Menu di navigazione

Territorio

Casa Campia

di Mercoledì, 10 Settembre 2014 - Ultima modifica: Mercoledì, 13 Settembre 2017
Immagine Casa campia

La villa Campia-Maffei di Revò, fu costruita nell'ultimo quarto del XVII secolo dalla famiglia de Maffei, nobilitata , nelle persone di Giacomo, Giovanni, Andrea e Tomaso da Ferdinando Maria, duca dell'alta e bassa Baviera, vicario imperiale, il 20 novembre 1657.

La famiglia, proveniente dalla Valtellina, come testimonia una lapide funeraria situata nella vicina chiesa di S. Maria, nel 1653 aveva trasferito a Revò i propri beni. L' edificio viene comunemente chiamato in paese Casa Campia per un matrimonio che i de Maffei contrassero con la famiglia Campi di Cles. I de Maffei, assieme alla famiglia degli Arsio che possedevano il palazzo ora sede del municipio di Revò e il castello sul Dòs de pez sempre a Revò, erano la famiglia più in vista del paese sia per la potenza economica (possedevano beni in tutta la valle di Non, nell'Oltradige nonchè a Merano) che per il peso politico.

Le varie date che compaiono all'esterno e all'interno della costruzione si riferiscono ai lavori iniziali ed a probabili ristrutturazioni o aggiunte avvenute nel tempo. Sull'intradosso di un archetto al primo piano è dipinta la data 1673, riferita forse alla fine del primo nucleo dell' edificio completato nella sua decorazione pittorica, mentre la data 1669 che compare sul portale di ingresso pare sia da riferirsi alla fine dei lavori architettonici. Sulla facciata SE compaiono poi le date 1736 e 1765 che riguardano con tutta probabilità l' aggiunta di un portale e il completamento della torretta che si eleva, con suo tetto cuspidato, sul volume della casa. L'anno 1739 inciso su un trave del tetto verso SO segnala il rifacimento della falda, forse in seguito alI'ampliamento dell' angolata O.

Seguici su facebook: https://www.facebook.com/casacampia/?ref=br_rs

Per informazioni: casacampia.revo@gmail.com

Tipologia di luogo
Collocazione geografica